domenica 3 marzo 2013

KITTANDO KITTANDO....


Se la montagna non va a Maometto, un vecchio proverbio insegna che dev'essere la montagna ad andare da lui!

Nel corso di molti eventi ai quali ho preso parte, soprattutto durante i laboratori dedicati ai bambini, ho conosciuto alcune insegnanti che hanno palesemente espresso il desiderio di poter insegnare ai loro alunni di V° elementare e scuola media a "giocare con il plastic canvas" nelle poche ore settimanali che sono dedicate all'educazione tecnica....

Oggi le scuole fan fatica ad elargire fondi per supportare nuove idee, soprattutto quando le insegnanti propongono di ospitare creativi per qualche ora.
E i laboratori che si organizzano in occasione di eventi possono solo sporadicamente intrattenere i bambini.

La scuola rimane il luogo per eccellenza in cui un bambino si forma, non solo sui libri, ma anche quando gioca o usa le mani per creare qualcosa.
Il plastic canvas, a ben osservarlo, ha questa valenza pedagogica.
Costruire un oggetto vuol dire innanzitutto contare, verificare le forme geometriche (quadrate o rettangolari che siano), "disegnare" linee rette o oblique con ago e filo, comporre le parti seguendo istruzioni ben precise, schemi ben definiti.

Ecco perchè ho pensato di dedicare proprio a quelle insegnanti più all'avanguardia una mia nuova idea.
Prendendo spunto dall'oggetto che nei laboratori di grandi e piccini ha avuto maggior successo, per semplicità e velocità d'esecuzione, ovvero 


cubetti in plastic canvas colorato, a tema "cuore"


ho messo in una busta tutto l'occorrente per intrattenere 15 bambini con il mio 



- 15 strisce colorate da cui ritagliare i 6 lati di ogni cubetto;
- 6 fili colorati per creare su ogni singolo cubetto 6 diversi cuoricini;
- 15 schemi opportunamente ingigantiti perchè i bambini trovino soddisfazione, una volta introdotti alla tecnica, a far da soli;
- per ultimo, ma sicuramente più importante di tutti, una striscia di plastic canvas per l'insegnante, che potrà cimentarsi prima dei suoi alunni, con il filato e le spiegazioni, più dettagliate, affinché lei stessa possa poi spiegare a sua volta!











In occasione dell'evento FILI SENZA TEMPO che si svolgerà a Formigine la presentazione dal vivo....


E per chi non volesse aspettare o non potesse venire, rimango a disposizione per le prenotazioni su: magliamo@gmail.com o sulla pagina di Facebook di NONSOLOPLASTICCANVAS 

5 commenti:

  1. .... E' tanto che aspettavo un'occasione così....... YAEH......

    RispondiElimina
  2. Che tecnica interessante!!! Mi piace il tuo blog!
    Ciao a presto Lieta

    RispondiElimina
  3. Ciao Lieta! Grazie per essere qui..A presto!

    RispondiElimina
  4. Lavori stupendi! Li ho visto sabato al castello di Formigine e li consigliero sicuramente a scuola dai miei figli e cmq glieli farò fare io xke penso sviluppino molto la creatività e poi grande soddisfazione! A presto Laura

    RispondiElimina